Enrico Bedolo
ALFABETO DELLE PIANURE

Almo Collegio Borromneo

Spazio via Vercesi

La pianura è uno spazio in cui lo sguardo gode dell’illimitato. Non vi sono ostacoli. La linea dell’orizzonte è il limite oltre il quale si può solo immaginare di vedere. Stare nella pianura significa ergersi sulla sua superficie, camminare, attraversarla.

 

Ridisegnarla. Pensarla come un luogo in cui cercare nuove forme. La pianura è come una pagina. “Mi sembra che dietro a quello che vedo ci sia un altro paesaggio, che è il vero paesaggio, ma non so dire quale o immaginarmelo”, scriveva Luigi Ghirri.


Per la pianura è lo stesso, bisogna saperla inventare, lasciarsi sorprendere da ciò che di inaspettato si incontra sulla sua superficie. Permettere a ciò che la abita di affiorare lentamente, di sorgere da una nuova luce, come se apparisse per la prima volta.


L’Alfabeto delle Pianure di Enrico Bedolo ci mostra la pianura fra Bergamo e Parma come un tessuto colmo di lettere, di segni, di simboli.

  • Instagram

Contatti

335 8098040